Ecologia e Thanatos

Venerdì 1 Marzo 2019

Il concetto di circolarità è il fondamento 

dell’ecologia scientifica che interpreta il 

mantenersi degli equilibri naturali grazie alle interrelazioni tra tutti gli organismi viventi e non viventi del pianeta. Solo grazie alla ininterrotta successione di nascita e morte è possibile garantire alla terra le risorse per mantenersi viva. Non a caso uno dei padri 

della moderna ecologia Barry Commoner 

aveva intitolato il suo saggio fondamentale 

“Il cerchio da chiudere” (1971), sottolineando che il problema di non completare nel modo giusto i cicli previsti dalla natura crea quello che genericamente definiamo “inquinamento”. La morte in natura allora è quella fase 

indispensabile al mantenimento della vita. 

Il rifiuto, la decomposizione, è una 

trasformazione e un trasferimento di risorse ed energia che permette la nascita e la crescita nuovi organismi per mantenere un equilibrio accettabile. Humus e Homo hanno la stessa radice: dal compostaggio, quindi dalla 

decomposizione della sostanza organica, nasce il nutrimento per la terra, che permette la crescita di piante e quindi la produzione di alimenti. E l’uomo se ne ciba per crescere. 

Il cerchio continua poi fino a richiudersi.

Condividi su